La ‘TECNICA del POMODORO’

tecnica del pomodoroInternet, secondo il giornalista Nicolas Carr, sta ridisegnando le nostre menti e distruggendo i nostri tempi di attenzione. In particolare, spiega come Internet stia disperdendo la nostra attenzione e diffondendo la nostra concentrazione.

Ora ho quasi completamente perso la capacità di leggere e assorbire un articolo piuttosto lungo sul web o in stampa. – Bruce Friedman – blogger medico

Uno studio di Jakob Neilsen (2008) ha scoperto che più la pagina web da leggere è lunga, maggiormente le persone lo leggono superficialmente. Anche pagine di solo 100 parole, vengono lette da un lettore medio solo per metà.

Nel frattempo, la BBC riporta uno studio del 2002 attraverso cui sostiene che la capacità di attenzione attraverso la navigazione web è di solo 9 secondi.

Una capacità di attenzione di nove secondi poteva sembrare breve, nel 2002, ma, oggi, è diventata la norma. Infatti, oggigiorno, la media capacità di attenzione di un essere umano è soli 8 secondi, che secondo alcuni è inferiore a quella di un pesce rosso.

Questo ha davvero un effetto negativo sul nostro flusso di lavoro?

Nel 2004, il professore di informatica sociale, Gloria Mark, ha studiato l’effetto delle continue interruzioni di flusso di lavoro. Aveva notato che cercare di fare 30 cose alla volta aveva un impatto negativo sulla sua produttività e voleva scoprire se era così anche per gli altri.

Con la sua squadra, osservò come i dipendenti, di due imprese ad alta tecnologia, lavoravano. In particolare, prese atto di come le interruzioni influenzavano il flusso di lavoro.

I risultati furono peggio di quelli da lei sperati.

In media, gli impiegati trascorrevano 11 minuti su un progetto prima di interromperlo. Dopo un’interruzione, impiegavano una media di 25 minuti per tornare al compito originario. Ciò significava che i dipendenti spendevano il doppio del tempo, a causa dell’interruzione, prima di riprendere il lavoro.

Che cosa significa per noi?

Quando ci prendiamo i cosiddetti ‘2 minuti’ per accedere a Facebook o controllare le nostre email non sono mai soli due minuti. Ogni volta che ci si distrae, il nostro flusso di lavoro va fuori rotta.

Le nostre vite sono condizionate da costanti distrazioni. Per molti di noi, essere distratti è diventato parte integrante dei nostri stili di vita. Non possiamo immaginare di ignorare e-mail o aggiornamenti dei social media non appena li riceviamo.

C’è qualche speranza?

La buona notizia è che la capacità di prestare attenzione è un’abilità. Si tratta di un comportamento che apprendiamo. Imparare a prestare attenzione significa “ricalibrare” la rete di neuroni nel cervello attraverso una pratica dedicata.

Diamo un’occhiata a una tecnica che è possibile utilizzare per riconquistare la tua capacità di attenzione.

Pomodori e scommesse che cosa hanno a che fare con la capacità di attenzione?

Per trovare la risposta per riconquistare la tua capacità di attenzione, dobbiamo tornare al 1980, prima che Internet fosse diventato uno strumento comune.

Alla fine degli anni ’80, uno studente italiano Francesco Cirillo aveva subito un crollo: dopo aver superato i suoi esami del primo anno, aveva perso ogni motivazione allo studio. Si sentiva confuso su ciò che stava accadendo e divenne determinato a fare qualcosa a riguardo.

Ho fatto una scommessa con me stesso: ‘Si può studiare davvero per 10 minuti?’

Ha preso un timer a forma di pomodoro dalla sua cucina e lo puntò per dieci muniti, tempo durante il quale doveva studiare senza cedere ad alcuna distrazione.

In un primo momento l’esperimento fallì: Cirillo non riusciva a stare concentrato per dieci minuti. Ma lui era determinato a vincere la scommessa. Provò ancora e ancora, fino a che alla fine riusciva a studiare fino a quando il timer non suonava.

Così nacque la Tecnica del Pomodoro.

Dopo il successo di aver vinto la scommessa contro se stesso, Cirillo raffinò e sviluppò la Tecnica del Pomodoro.

Da allora, insegnò questa tecnica in tutto il mondo e scoprì anche poteva aiutare gli utenti a:

  • Ridurre ansia e perdite di tempo.
  • Migliorare attenzione e concentrazione.
  • Ridurre le interruzioni.
  • Mantenere la motivazione.
  • Rimanere sulla strada giusta per raggiungere obiettivi importanti.

Diamo un’occhiata a come è possibile integrare la tecnica Pomodoro con la tua giornata lavorativa.

Fase 1: pianifica le attività

Prima di implementare la tecnica di Pomodoro, è necessario fare un elenco delle attività. In questa lista si dovrebbe includere:

  • Le cose che devi fare oggi (elencandole in ordine di importanza).
  • Tenere uno spazio per le attività impreviste ed urgenti.

Accanto a ciascuna attività è possibile anche elencare il numero di “Pomodori” (periodo di tempo impostato) che credi necessari per ogni attività.

Fase 2: imposta il timer

Una volta completato l’elenco delle attività, sei pronto ad iniziare a lavorare. Prima di fare questo, è necessario impostare un timer. Le linee guida della Tecnica del Pomodoro suggeriscono di impostarlo per 25 minuti, ma quando sei agli inizi si può optare per un periodo di tempo più breve.

 

Fase 3: lavora sul compito

Non appena il tempo parte, inizia con il primo compito presente sulla lista. Durante questo periodo, cerca di mantenere la completa concentrazione sul compito. Non controllare Facebook, Twitter o le email. Se il telefono squilla, lascia che si attivi la segreteria telefonica. Emergenze a parte, non devi interrompere il tuo “Pomodoro” per qualsiasi motivo. Come Cirillo dice:

Un Pomodoro non può essere frazionato; non esiste una cosa come la metà di un Pomodoro o di un quarto di Pomodoro.

Una volta che squilla il timer, è necessario smettere di lavorare. Si può essere nel flusso di un compito e sentire la tentazione di portare avanti un compito. Non seguire questa tentazione! Stare lontani da un compito incompleto ti permetterà di ritornare sull’attività più facilmente con il prossimo Pomodoro.

Fase 4: segui i tuoi progressi

Quando il timer suona, fermalo e metti subito una X accanto all’attività. Questo dimostra che avete dedicato un Pomodoro al compito. Con ogni Pomodoro speso lavorando sul compito, si aggiungerà una X. Seguendo il tuo tempo in questo modo si dà un senso di realizzazione e aiuta a stimare meglio il tempo necessario per un compito.

Fase 5: prenditi una breve pausa

Prenditi una pausa. Te lo sei guadagnato! A questo punto, limita la sosta per tre-cinque minuti. Puoi prendere una pausa più lunga dopo.

Durante questa pausa si dovrebbe evitare ogni tentazione di avviare un altro compito lavorativo. Come Cirillo dice:

Ad esempio, non cominciare a parlare di questioni legate al lavoro con un collega; non scrivere email importanti o fare telefonate etc. Facendo questo tipo di cose si potrebbe bloccare l’integrazione mentale costruttiva che è necessario per sentirsi in allerta e pronti per l’inizio del prossimo Pomodoro.

Utilizza, invece la pausa come un’opportunità per rilassarti:

  • bevi un bicchiere d’acqua
  • respira profondamente
  • pensa ai piani per la sera o nel fine settimana
  • scherza o chiacchiera in modo informale con un collega

Fase 5: imposta di nuovo il timer

Dopo la pausa sei pronto a tornare al lavoro. Imposta, così, il timer per il tuo prossimo Pomodoro. Se hai deciso di optare per un Pomodoro di meno di 25 minuti, tieni tutti i Pomodori della stessa durata. Non appena il timer parte, mettiti al lavoro! Quando hai finito, ricordati di segnare l’attività con una X.

Passo 6: Prenditi una pausa più lunga

Dopo ogni 4 Pomodori, prendi una pausa più lunga, anche fino a 30 minuti. In questo momento, puoi prenderti un caffè, controllare la posta elettronica o la segreteria telefonica, recuperare il ritardo accumulato con i vostri colleghi di lavoro sui problemi legati al lavoro o semplicemente prendere tempo per rilassarsi.

Come per le pause più brevi, evitare di pensare il lavoro che hai fatto durante la pausa.

Dopo questa pausa, torna a lavorare per un’altra sequenza di 4 Pomodori.

Consigli

Questa è la Tecnica del Pomodoro in poche parole. Se segui i passaggi sopra indicati rimarrai stupito dell’aumento della tua produttività e della tua capacità di attenzione.

Se ti trovi alle prese con i Pomodori, tieni a mente i seguenti punti:

In primo luogo, le distrazioni: queste possono essere distrazioni interne  come ad esempio ricordare un compito che si dovrebbe aver completato la settimana scorsa, o distrazioni esterne, come una telefonata.

Le distrazioni interne sono facili da affrontare. Ogni volta che nasce una distrazione interna, scrivilo sul tuo elenco delle attività, nello spazio che hai lasciato per compiti imprevisti e urgenti. Alla fine del Pomodoro, è possibile valutare l’urgenza e l’importanza del compito, e decidere se davvero bisogna inserirlo sulla tua lista delle attività.

Trattare con distrazioni esterne è molto più difficile e comporta la tua formazione. Se coloro che lavorano intorno a te per comunicare in tempi opportuni della giornata. Se un un collega ti disturba durante una Pomodoro, educatamente fagli sapere che sei occupato, e lascia detto quando sarai disponibile. Il momento migliore per recuperare il ritardo è quando si avrà una pausa di 30 minuti tra una serie di Pomodori. Coloro che lavorano con te si abitueranno presto a non interromperti mentre il timer è in funzione. Cirillo spiega:

Con la pratica, si arriva a rendersi conto di quanto spesso apparentemente è urgente un’attività e che può anche essere rinviata fino al giorno seguente.

In secondo luogo, non abbatterti. Anche il fondatore di Pomodoro non riusciva a rimanere concentrato, all’inizio, per più di dieci minuti.  Se un Pomodoro va male, fai una pausa di cinque minuti, un respiro profondo, azzerare il timer e ricomincia. Si può fare!

Altri suggerimenti per stimolare la capacità di attenzione

Stai ancora lottando per mantenere la tua attenzione sotto controllo, nonostante l’uso di Pomodori? Allora puoi provare il seguente metodo:

  • Medita. La meditazione è essenzialmente la pratica di attenzione focalizzata. E’ il campo di allenamento ideale per insegnare alla tua mente a rimanere concentrata.
  • Bloccare Internet. Puoi usare la libera applicazione dell’autocontrollo per rimanere concentrato mentre lavori con il Mac. Gli utenti Windows possono utilizzare SelfRestraint, che è anche gratuito.
  • Prova tempi diversi. 25 minuti sono troppo pochi? Che ne dici di sfidare se stessi per un periodo di intensa focalizzazione 90 minuti? Oppure si potrebbe provare 40 minuti di lavoro mirato, seguito da una pausa di 20 minuti.

Vuoi migliorare le tue capacità di attenzione? Prova la tecnica del pomodoro oppure contatta #osm1816 e prenota le tue 2 ore di consulenza gratuita a info@osm1816.it o chiama al n. 0342 970618!

Questa voce è stata pubblicata in GO e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *